Seguici su
Leader 23 Marzo, 2020 @ 12:01

Dalla A di Abramovich alla Z di Zuckerberg: le donazioni dei miliardari contro il Coronavirus

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi

di Hayley C. Cuccinello per Forbes.com

Ultimo aggiornamento: 23 marzo 2020.

Poiché la pandemia di coronavirus ha raggiunto quasi ogni angolo del mondo, alcuni dei più ricchi del pianeta stanno contribuendo agli sforzi globali per combattere la pandemia di Covid-19 e fare ciò che possono per l’economia.

Alcuni magnati della tecnologia, come Bill Gates, stanno donando milioni di dollari per aiutare la ricerca sui vaccini e sulle malattie. Molti proprietari di squadre sportive, tra cui Mark Cuban, supportano il personale dal momento che la stagione è in pausa. Altri, come Elon Musk di Tesla, sembrano molto meno preoccupati per l’epidemia o, come Richard Branson, stanno chiedendo ai loro dipendenti di farsi carico di un grosso fardello finanziario.

Forbes continuerà ad aggiornare questo elenco di miliardari (in ordine alfabetico) e su come stanno rispondendo alla pandemia di COVID-19:

Roman Abramovich: il proprietario del Chelsea ospiterà gratuitamente il personale del NHS presso lo Stamford Bridge Millennium Hotel, che si trova vicino al Westminster Hospital.

Sheldon Adelson: Il magnate del casinò ha chiuso le proprietà di Las Vegas Sands Corp. sulla Strip – The Venetian e The Palace – almeno fino al 1 ° aprile. La società ha dichiarato che non ci saranno licenziamenti e tutti i dipendenti saranno pagati durante la chiusura temporanea.

Massimiliana Landini Aleotti: Landini Aleotti e i suoi tre figli possiedono Menarini, una delle più grandi aziende farmaceutiche italiane. La società ha annunciato il 19 marzo che avrebbe convertito una linea di produzione nello stabilimento di Firenze per produrre gel disinfettante che sarà distribuito gratuitamente alla protezione civile.

Bernard Arnault: Il magnate dei beni di lusso sta invece convertendo tre fabbriche di profumi di Lvmh per produrre disinfettante per le mani. Sarà distribuito gratuitamente alle autorità francesi e al più grande sistema ospedaliero europeo.

Steve Ballmer: la fondazione filantropica dell’ex ceo di Microsoft ha donato $ 1 milione a enti della comunità di Los Angeles, incluso il distretto scolastico della contea.

Marc Benioff: Il fondatore di Salesforce ha twittato il 15 marzo che Salesforce e la rivista Time, di sua proprietà, continueranno a pagare i lavoratori nonostante la chiusura di tutti gli uffici.

Gayle Benson: Tre giorni dopo che la stella dei New Orleans Pelicans, Zion Williamson, si è impegnata a coprire una retribuzione di 30 giorni per tutti i dipendenti del Smoothie King Center, il proprietario miliardario dei Pelicans, Benson, ha annunciato in una dichiarazione il 16 marzo che gli stipendi dei dipendenti dei Pellicani che lavorano solo nei giorni della partita saranno coperti per il resto delle partite posticipate. Ha anche donato a un fondo $ 1 milione che verrà distribuito ai bisognosi tramite la Greater New Orleans Foundation.

Silvio Berlusconi: il tre volte primo ministro italiano e attuale parlamentare europeo ha donato $ 10,9 milioni alla regione Lombardia, destinata al nuovo ospedale che sarà costruito nell’ex quartiere fieristico di Fiera Milano nel capoluogo lombardo.

Patrizio Bertelli, Miuccia Prada: Il 19 marzo, i co-ceo del colosso della moda Prada hanno annunciato di aver donato due unità di terapia intensiva e rianimazione ciascuna agli ospedali Buzzi, Sacco e San Raffaele di Milano.

Stephen Bisciotti: The Baltimore Ravens e la fondazione del suo proprietario hanno donato congiuntamente $ 1 milione per sostenere quattro organizzazioni no profit nell’area di Baltimora, tra cui la Maryland Food Bank.

Arthur Blank: Il proprietario della squadra di Nfl Atlanta Falcons e del club di Mls Atlanta United compenseranno i dipendenti dello stadio Mercedes-Benz, sebbene non sia stato annunciato un piano specifico. La fondazione di Blank sta inoltre donando quasi 5,4 milioni di dollari per gli sforzi contro il Covid-19 ad Atlanta e nel Montana.

Michael Bloomberg: il miliardario dei media ha lanciato un’iniziativa da 40 milioni di dollari per prevenire o rallentare la diffusione di Covid-19 nei paesi a basso e medio reddito. Bloomberg Philanthropies sta collaborando con l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e l’organizzazione sanitaria globale Vital Strategies.

Richard Branson: Dopo essere stato messo alla gogna per aver chiesto al personale della sua compagnia aerea Virgin Atlantic di prendere otto settimane di ferie non retribuite, il 22 marzo Branson ha annunciato che Virgin Atlantic fornirà 250 milioni di dollari nei prossimi mesi per supportare i suoi oltre 70mila dipendenti.

Rick Caruso: Il costruttore immobiliare di Los Angeles ha annunciato che i suoi centri commerciali all’aperto, tra cui il tanto visitato The Grove, rimarranno aperti al pubblico, sebbene siano aperti solo i negozi di alimentari e la farmacia. Il parcheggio è ora gratuito per tutti i visitatori. “Mentre seguiamo le direttive di rimanere a casa, i funzionari del governo e gli esperti medici hanno avvertito che uscire, parlare e godersi l’aria fresca rimangono opzioni salutari fintanto che osserviamo il corretto allontanamento sociale”, ha detto Caruso in una nota.

Brian Chesky, uno dei fondatori di Airbnb
Brian Chesky, uno dei fondatori di AirBnb (Justin Sullivan/Getty Images)

Brian Chesky: il ceo di Airbnb ha annunciato sabato 14 marzo che consentirà agli ospiti di tutto il mondo di annullare senza incorrere in commissioni fino al 14 aprile.

Yvon Chouinard: da venerdì 13 marzo, la sua catena di abbigliamento outdoor Patagonia ha chiuso tutti i negozi e gli uffici, ma continuerà a pagare i suoi dipendenti.

Mark Cuban: Cuban possiede i Dallas Mavericks, che stanno offrendo un rimborso completo ai dipendenti per colazione o pranzo effettuati da stabilimenti locali indipendenti nella regione di Dallas. Cuban ha confermato a Forbes che i dipendenti dello stadio dell’American Airlines Center verranno pagati come se la stagione non fosse stata interrotta. Ha anche collaborato con i giocatori Luka Doncic e Dwight Powell per donare $ 500mila per sostenere gli operatori sanitari presso il Southwestern Medical Center dell’Università del Texas e il Parkland Health & Hospital System di Dallas.

Michael Dell: Il gigante della tecnologia che porta il suo nome ha donato $ 284mila (2 milioni di yuan) per fornire forniture mediche come maschere chirurgiche agli ospedali in Cina. Dell inoltre ha donato 853mila dollari (6 milioni di yuan) in servizi IT al Center for Disease Control and Prevention nella provincia di Hubei. La società ha anche stanziato 3 milioni di dollari in fondi e donazioni di natura tecnologica per aiutare gli sforzi di Covid-19 in tutto il mondo.

Jack Dorsey: il miliardario di Twitter ha pubblicato il 18 marzo che sta “inviando denaro alla gente” tramite l’app Cash, chiedendo agli utenti di rispondere con il loro “cashtag”.

Bill Gates
Al Bello – Getty Images)

Bill Gates: il co-fondatore di Microsoft ha annunciato il 5 febbraio che la Fondazione Bill e Melinda Gates avrebbe impegnato $ 100 milioni per aiutare il rilevamento globale, l’isolamento e il trattamento di Covid-19. Più della metà sarà destinata allo sviluppo di vaccini, terapia e diagnostica. Ha anche chiesto un sistema di localizzazione nazionale per coronavirus negli Stati Uniti.

Dan Gilbert: il Quicken Loans Community Fund e la fondazione della famiglia Gilbert stanno donando 1,2 milioni di dollari combinati per aiutare gli sforzi del coronavirus a Detroit. Gilbert è il proprietario di maggioranza della Cleveland Cavaliers della NBA, che ha annunciato che “sta sviluppando un piano di compensazione per continuare a pagare il nostro personale dell’evento e la forza lavoro oraria”.

David Green: il miliardario della catena di Hobby Lobby mantiene i negozi aperti fino a quando non saranno obbligati a chiudere con ordini locali, statali o federali. Secondo una nota aziendale emersa su Twitter, i dipendenti dei negozi chiusi riceveranno il 75% della loro retribuzione oraria per due settimane – determinata dal numero medio di ore lavorate nelle sei settimane precedenti – dopo aver esaurito tutte le indennità di fine retribuzione. “Mentre non sappiamo con certezza cosa riserva il futuro o per quanto tempo durerà questa interruzione, possiamo tutti riposare nel sapere che Dio ha il controllo”, ha scritto Green in un memo. “Per contribuire a garantire che la nostra azienda rimanga forte e pronta a prosperare ancora una volta, ciò potrebbe essere necessario” stringere la cinghia “nel prossimo futuro”. La Hobby Lobby ha rifiutato di commentare o chiarire a Forbes quanti dipendenti ricevono questi benefici.

Ken Griffin: Il 4 febbraio, Citadel, la società di hedge fund del miliardario, si è impegnata a contribuire con $ 7,5 milioni ad aiutare la provincia cinese di Hubei, l’epicentro dell’epidemia di coronavirus.

Reed Hastings: Netflix ha annunciato il 20 marzo di aver creato un fondo di soccorso da $ 100 milioni per i professionisti della produzione che non stanno lavorando – compresi cast e troupe – molti dei quali sono pagati a ore e sulla base di un progetto. Gli aiuti non si limitano ai lavoratori dei progetti di Netflix. Il gigante dello streaming si è anche impegnato a pagare due settimane a tutto il personale per le produzioni che sono state sospese.

Jim Irsay: il proprietario degli Indiana Colts ha donato $ 1 milione alla Gleaners Food Bank, che aiuta gli organismi umanitarie e le scuole in 21 contee nell’Indiana centrale e sud-orientale.

Marian Ilitch: Il proprietario di Little Caesars Pizza ha creato un fondo da 1 milione di dollari per coprire i salari di un mese per il personale part-time per le partite cancellate di Detroit Red Wings, Detroit Pistons e Detroit Tigers. Il fondo si applica anche ai dipendenti interessati dal rinvio di concerti e altri eventi presso la Little Caesars Arena e il Fox Theater.

Jeremy Jacobs: Il proprietario dei Boston Bruins, squadra di NHL, non ha annunciato piani per pagare il personale del Delaware North, la società di servizi alimentari che offre concessioni in oltre 50 arene sportive, tra cui TD Garden, che è di proprietà di Jacobs ed è dove i Bruins giocano. The Bruins e Delaware North non hanno risposto alla richiesta di commento di Forbes in tempo per la pubblicazione.

Jim Justice: il governatore miliardario della West Virginia ha cancellato la scuola almeno fino il 27 marzo e ha impedito ai dipendenti statali di viaggiare. È soddisfatto della risposta del presidente Trump alla pandemia di Covid-19. “Per quelli che lo criticano, è ingiusto e dovrebbero essere presi a calci in culo”, ha detto a Forbes.

Ted Leonsis: proprietario dei Wizards di NBA, dei Capitals di NHL, dei Washington Mystics della WNBA e di due squadre di AFL, Leonsis ha annunciato che pagherà tutti i 500 dipendenti che lavoreranno all’ormai chiusa Capital One Arena di Washington DC fino alla fine di marzo.

Jack Ma
Jack Ma (Photo by Andrew Burton/Getty Images)

Jack Ma: il cofondatore di Alibaba ha promesso $ 14 milioni per aiutare a sviluppare un vaccino Covid-19. Il 13 marzo ha annunciato che donerà anche 500mila kit di test e 1 milione di maschere agli Stati Uniti (e anche all’Italia), con la prima spedizione che lascerà Shanghai il 15 marzo.

Janice McNair: ha donato $ 500mila alla Houston Food Bank e Interfaith Ministries of Greater Houston Meals on Wheels, che serve più di 4.300 anziani domiciliati nella zona di Houston e della contea di Galveston.

Tom Morris: Il proprietario di Home Bargains, una catena di negozi del Regno Unito, ha creato un fondo da 35 milioni di dollari per aiutare il personale a sostenere l’epidemia di coronavirus. Morris ha anche confermato su Twitter che Home Bargains pagherà il personale che deve autoisolarsi per un massimo di due settimane.

Elon Musk: Mercoledì 18 marzo, Musk ha sfidato l’ordine di uno sceriffo di “riparo sul posto” mantenendo aperta la fabbrica di Tesla a Fremont, California, e ai dipendenti è stato detto che la fabbrica era “infrastruttura critica”. Dopo che Tesla si è confrontata con il dipartimento dello sceriffo della contea di Alameda lo stesso giorno, la fabbrica ha tagliato il personale in loco da 10mila a 2.500. Mercoledì sera, Musk, che in precedenza ha liquidato il panico del coronavirus come “stupido”, ha twittato che Tesla è pronta a “creare ventilatori in caso di carenza”. Ha aggiunto venerdì 20 marzo che pensa che i ventilatori “probabilmente non saranno necessari”. Da allora Musk ha parlato con il produttore di ventilatori Medtronic.

Robert Pera: il ceo di Ubiquiti Networks e proprietario di Memphis Grizzlies, secondo quanto riferito, pagherà tutti i dipendenti della serata per tutte le partite perse durante l’intera stagione. Questa misura non copre tutti i dipendenti dello stadio, come i lavoratori in concessione, che sono pagati da un fornitore di terze parti.

J.B. Pritzker: Il governatore miliardario dell’Illinois ha limitato assembramenti a meno di 50 persone, ha chiuso le scuole e ha chiuso i servizi di ristorazione in bar e ristoranti. Tuttavia, le primarie democratiche dell’Illinois il 17 marzo, lo stesso giorno della prima morte dello stato per Covid-19, non sono state rinviate.

Jerry Reinsdorf: il proprietario dei Chicago Bulls di NBA e dei Chicago White Sox di MLB sta collaborando con Rocky Wirtz, proprietario dei Chicago Blackhawks di NHL, per pagare i 1.200 dipendenti dello United Center durante il resto della stagione originariamente prevista.

Antony Ressler: Il miliardario di private equity e proprietario di maggioranza degli Atlanta Hawks ha dichiarato all’Atlanta Journal-Constitution che i dipendenti della State Farm Arena, dove giocano gli Hawks, saranno comunque pagati.

Stephen Ross: Il proprietario dei Miami Dolphins ha promesso $ 500mila per sostenere programmi di pasti per studenti delle scuole pubbliche e popolazioni scarsamente servite nel sud della Florida, nonché interventi di soccorso della chiesa a Miami Gardens.

Remo Ruffini: Ruffini è il presidente e amministratore delegato del marchio di abbigliamento sportivo di lusso Moncler, che ha contribuito con 10,9 milioni di dollari alle autorità della regione lombarda duramente colpita per la costruzione di un nuovo ospedale. La nuova struttura sarà ubicata in un’area precedentemente sede del centro espositivo Fiera Milano e ospiterà oltre 400 unità di terapia intensiva.

Facebook COO Sheryl Sandberg (Justin Sullivan/Getty Images)

Sheryl Sandberg: il chief operating officer di Facebook ha collaborato con altri miliardari tecnologici – tra cui Scott Cook di Intuit, Aneel Bhusri di Workday e l’investitore Reid Hoffman – per raccogliere un fondo di emergenza alimentare da $ 7 milioni per la Bay Area di San Francisco. Sandberg e il suo fidanzato Tom Bernthal hanno raccolto il primo milione di dollari.

Herb Simon: il magnate immobiliare e proprietario dei Pacers di NBA sta dando un aiuto finanziario ai lavoratori part-time presso il Bankers Life Fieldhouse, secondo Bob Kravitz di The Athletic.

Masayoshi Son: Il 10 marzo, il ceo di SoftBank ha interrotto una pausa di tre anni su Twitter per dire che è “preoccupato” per il coronavirus. In un tweet di follow-up, ha promesso di fornire 1 milione di test gratuiti. Dopo che la sua proposta è stata criticata a causa di strutture mediche e operatori sanitari potenzialmente sovraccarichi, Son ha twittato di aver riconsiderato il suo piano. Un portavoce di SoftBank ha confermato a Business Insider che Son di averci ripensato. Più recentemente giovedì 12 marzo ha twittato che avrebbe donato 1 milione di maschere alle case di cura e agli operatori sanitari.

Sy Siblings: SM Prime, il più grande costruttore immobiliare filippino, ha rinunciato ai canoni di locazione per tutti gli inquilini dei suoi supermercati SM dal 16 marzo al 14 aprile. SM ha inoltre stanziato circa $ 1,9 milioni per fornire rivestimenti medici di protezione attrezzature come maschere, abiti, visiere, guanti e copriscarpe.

Jon Stryker: l’erede della compagnia di apparecchiature mediche, insieme ai miliardari Michael Bloomberg e Ken Griffin, ha donato un fondo da 75 milioni di dollari per erogare sovvenzioni e prestiti senza interessi alle organizzazioni non profit di New York City. Hanno contribuito anche la fondazione benefica della società di cosmetici Estée Lauder e Jonathan Soros, figlio del magnate degli hedge fund George Soros.

David Tepper: il proprietario dei North Carolina Panthers ha donato oltre 2,6 milioni di dollari per sostenere gli sforzi contro il Covid-19 nelle Carolina. I beneficiari includono le scuole Charlotte-Mecklenburg e Atrium Health, un sistema sanitario senza fini di lucro con 900 centri di assistenza.

Il presidente americano Donald Trump. (Win McNamee/Getty Images)

Donald Trump: il presidente miliardario americano ha dichiarato il coronavirus un’emergenza nazionale il 13 marzo. L’amministrazione Trump ha ripetutamente minimizzato la gravità dell’epidemia di Covid-19 ed è stata lenta nell’attuare i test per il virus. Quando gli è stato chiesto durante una conferenza stampa, il presidente Trump ha rifiutato di assumersi qualsiasi responsabilità per l’implementazione fallita dei test. Secondo quanto riferito, Trump ha licenziato il personale dei suoi hotel a New York, Las Vegas e Washington DC.

Joe Tsai: L’executive di Alibaba e proprietario dei Brooklyn Nets di NBA hanno twittato il 14 marzo che gli impiegati del Barclays Center, dove giocano i Nets, saranno pagati per tutto il mese di maggio come se la stagione non fosse finita.

Denise York e famiglia: i San Francisco 49er, di proprietà della famiglia di York, stanno impegnando $ 500mila per supportare i dipendenti e la comunità. Il team investirà immediatamente $ 49mila in un fondo per organizzazioni no profit a Santa Clara e San Mateo.

Eric Yuan: Il fondatore di Zoom Video Technologies sta rendendo gratuito il suo software di videoconferenza per un uso illimitato per tutte le scuole K-12 interessate in Cina, Giappone, Italia e Stati Uniti.

Mark Zuckerberg: la sua Chan Zuckerberg Initiative sta lavorando con l’UC San Francisco e la Stanford University per quadruplicare la capacità di test e diagnostica della Bay Area, incluso l’acquisto di due macchine diagnostiche approvate dalla FDA. Il 17 marzo, Facebook ha annunciato una sovvenzione di $ 100 milioni per aiutare le piccole imprese colpite da Covid-19. Il colosso dei social media si è anche impegnato a donare 20 milioni di dollari alla Fondazione delle Nazioni Unite, all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e ai Centri statunitensi per il controllo delle malattie (CDC).

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!