Seguici su
Tecnologia 24 Marzo, 2020 @ 11:55

Le big tech americane si alleano: 16 supercomputer per battere Covid-19

di Forbes.it

Staff

La redazione di Forbes.Leggi di più dell'autore
chiudi
Supercomputer
(Shutterstock)

di Martin Giles per Forbes.com

Gli Stati Uniti stanno mettendo a disposizione dei ricercatori di tutto il mondo 16 supercomputer per identificare terapie e vaccini correlati al coronavirus. I supercomputer possono elaborare vasti set di dati e condurre simulazioni complesse del comportamento delle molecole molto più velocemente rispetto ad altri hardware, quindi la speranza è che ciò contribuisca agli sforzi per combattere il virus. Le macchine, tra cui Summit, il supercomputer più potente al mondo, sono gestite da membri del High Performance Computing Consortium Covid-19 annunciato oggi dall’Office of Science and Technology Policy della Casa Bianca.

  • I membri del consorzio includono diversi laboratori nazionali del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, tra cui Lawrence Livermore, Sandia e Oak Ridge, dove si trova Summit. Il consorzio comprende anche il MIT e il Rensselaer Polytechnic Institute, nonché la NASA e la National Science Foundation.
  • Anche Google Cloud, Amazon Web Services e Microsoft fanno parte del consorzio e offrono i loro servizi basati su cloud per accelerare il lavoro di ricerca.
  • I ricercatori del mondo accademico, del governo e delle imprese possono presentare proposte al consorzio tramite un sito Web. Queste saranno esaminate da esperti in high-performance computing, biologia e altre aree, e quelle più promettenti verranno selezionate. IBM, che ha contribuito a costruire una serie di supercomputer in uso nel progetto, sta coordinando il lavoro del consorzio.
  • “L’America si sta unendo per combattere Covid-19, e questo significa liberare la piena capacità dei nostri supercomputer di livello mondiale per far avanzare rapidamente la ricerca scientifica per trovare trattamenti e un vaccino”, ha affermato Michael Kratsios, Chief Technology Officer degli Stati Uniti, in una nota che annuncia la creazione del consorzio. 

Grandi numeri: 330 petaflop. Questa è la potenza di elaborazione combinata dei 16 supercomputer e significa che sono in grado collettivamente di eseguire 330 milioni di miliardi di calcoli al secondo. Il solo Summit può fornire 200 petaflop. Per soddisfare ciò che può fare in un batter d’occhio, ogni persona sulla Terra dovrebbe eseguire un calcolo ogni secondo del giorno per circa 305 giorni. Le 16 macchine vantano un totale di 775.000 unità di elaborazione centrali e 34.000 unità di elaborazione grafica per aiutare a potenziare il loro lavoro.

Il contesto: ci sono già segnali che i supercomputer possono essere strumenti importanti nella battaglia contro Covid-19. In un post sul blog del nuovo consorzio, Dario Gil, direttore di IBM Research, ha fatto riferimento al lavoro che i team di Oak Ridge e dell’Università del Tennessee avevano già intrapreso utilizzando Summit. Lo hanno usato per lo screening di 8.000 composti e identificato 77 promettenti che potrebbero essere in grado di legarsi alla proteina “spike” del coronavirus, impedendo la sua capacità di infettare le cellule ospiti.

L’informatica sta intensificando la lotta anche in altri modi. Alcuni ricercatori stanno applicando il crowdsourcing computing power per cercare di comprendere meglio le dinamiche della proteina e un dataset di 29.000 articoli di ricerca è stato reso disponibile ai ricercatori sfruttando l’intelligenza artificiale e altri approcci per aiutare a combattere il virus. IBM ha lanciato una codig challenge globale che include un focus su Covid-19 e Amazon ha dichiarato che investirà $ 20 milioni per accelerare i test sul coronavirus.

Vuoi ricevere le notizie di Forbes direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!