Alex Wong/Getty Images

T. Boone Pickens

di T. Boone Pickens* per Forbes.com

Spesso mi chiedono i miei consigli e intuizioni sul tema della leadership. E io li do in molte forme: nei discorsi, sui social media e qui su Forbes. E ogni maggio, mi fa molto piacere trasmettere i miei quasi 90 anni di esperienza alla prossima generazione di giovani imprenditori aggressivi e laureati.

Forse il mio miglior consiglio è quello che si trova in The First Billion is the Hardest, un libro che ho pubblicato 10 anni fa nel quale ho raccontato alcuni dei miei più grandi ritorni sulla scena. Dall'abbandono del mio primo lavoro per lanciare la mia prima azienda al fallimento di Mesa Petroleum, fino all'apertura del mio hedge fund all'età di 68 anni: ci sono tre quarti della mia vita messi a nudo.

Il libro è costruito attorno a piccoli consigli per cui ho imparato a farmi riconoscere nel corso degli anni. A un certo punto, la mia famiglia, gli amici e i miei collaboratori hanno iniziato ad annotarli e sono diventati un genere a sé, e ora sono conosciuti come "Booneismi". Molti di essi riguardano la vita e la leadership, e altre lezioni che ho imparato attraverso i miei alti e bassi degli oltre 90 anni di vita. E molti di loro si applicano bene ai neolaureati che sono impazienti di buttarsi nel mondo reale. Quindi, laureati di quest'anno, ecco una manciata di Booneismi per iniziare.

"Un pazzo con un piano può battere un genio senza un piano"

Questa massima in realtà è di mio padre. Frequentavo l'Oklahoma State University (all'epoca Oklahoma A&M) quando mi prese in disparte. Mi chiese – anzi, mi disse – di cambiare la mia specializzazione da Business in Geologia, e di andarmene dal college, perché non stavo seguendo il suo piano che mi voleva laureato nel giugno del 1951. Quando vidi che era serio, disse: "Ascolta figlio, un pazzo con un piano può battere un genio senza un piano. Tua madre e io temiamo di avere un pazzo senza un piano". Voi laureati siete arrivati lontano, che è di per sé un traguardo impressionante. Ma ora che lascerai un rigido programma accademico per un progetto per conto tuo, devi riempire gli spazi vuoti. Devi prendere ciò che hai imparato e trovare un piano strategico per arrivare dove vuoi andare.

"Resta concentrato. Quando cacci gli elefanti, non distrarti a inseguire i conigli"

La vita è piena di distrazioni: personali e professionali. È importante mantenere l'attenzione sul progetto e sugli obiettivi finali. Ci sarà chi ti metterà i bastoni tra le ruote sulla tua strada, ma anche opportunità. Periodicamente fai un passo indietro e valuta in che modo avanza il tuo progetto generale. Spesso non lo si fa. E puoi sprecare un sacco di tempo per le piccole cose che, alla fine della giornata, non fanno la differenza.

"Non cadere vittima di quella che io chiamo la sindrome «pronti-mirare-mirare-mirare-mirare». Devi essere disposto a fare fuoco"

Hai un progetto, ma ora devi metterlo in pratica. Dopotutto, un piano senza azione non è un piano: è un discorso. Quando mi diplomai nel giugno del 1951, mio padre mi tirò di nuovo da parte. Pensavo che stesse per tirare fuori un pacco di soldi. Invece, era la sua mano che si allungava per scuotere la mia: "Buona fortuna, figliolo". Non era quello che mi aspettavo, ma era tutto ciò di cui avevo bisogno. Era una delle prime lezioni che non avrei potuto sedermi e aspettare l'aiuto con le mani in mano. Dovevo prendere io stesso l'iniziativa. Nessuno avrebbe preso le decisioni per me.

Si è rivelata una delle lezioni più preziose. All'inizio della mia carriera, ho visto che molte delle grandi aziende americane spesso cadevano in uno schema di "Pronti, Mirare, Mirare", invece di agire con prudenza. Mi sono buttato e ho iniziato a scuotere le cose con i miei tentativi di acquisizione di imprese e iniziative per i diritti degli azionisti. Ora credo che la risolutezza abbia avuto un ruolo importante nel mio successo. Quindi, ricorda: sii disposto a prendere decisioni. Questa è la qualità più importante in un buon leader.

"Lavora duramente. Arriva presto, resta fino a tardi"

Hai lavorato duramente per arrivare fino a qui e hai tutto il diritto di festeggiare. Ma la tua laurea non è un fine, è un mezzo. Devi battere la strada e continuare a metterti alla prova, perché una volta che sei stato invitato a cena, devi portare l'anatra. La tua educazione è uno strumento che ora devi applicare nel piano strategico. Nulla sostituirà il duro lavoro in vecchio stile. È per questo che, entrando nel mio nono decennio, sono ancora il primo ad arrivare in ufficio e quello che spegne le luci quando si esce. Dico a chiunque ascolti che il tratto più critico per il successo sul posto di lavoro è il duro lavoro. Quindi, impostate e mantenete una buona etica del lavoro. Questo è il modo in cui i leader devono affrontarlo per avere successo.

"Sii un inguaribile ottimista. Agisci come colui che cade dalla cima di un edificio di 10 piani... e mentre supera il terzo piano, dice: «Non sono ancora morto. Fin qui tutto bene»"

Sono un geologo, e in questo campo devi essere ottimista. Procedi con la giusta quota di trivellazioni, sia nei giacimenti che nella vita. L'ottimismo è la chiave. Non dare mai nulla per scontato. Ho fondato la mia prima compagnia petrolifera, la Petroleum Exploration Inc., con 2.500 dollari di capitale preso in prestito. È stato un lavoro duro, e io, a un certo punto, vivevo nel mio camion e mi facevo la barba nei bagni della stazione di servizio. Ma quella ditta era una società precedente a Mesa Petroleum, la società che ho preso in prestito nel 1964, che divenne una delle più grandi compagnie indipendenti di gas naturale e petrolio d'America. Un buon progetto e un duro lavoro mi hanno aiutato ad arrivarci, ma nessuno dei due è possibile senza un sano ottimismo. Quindi, sii un inguaribile ottimista.

"Più in alto la scimmia sale sull'albero, meglio puoi vederne il culo"

Per lanciare il BP Energy Fund nell'autunno del 1996, dovevo prima superare un esame di National Futures Association per diventare un gestore di commodity. Bene, ho fallito. Due volte. Sono sempre stato fiducioso nelle mie capacità, e mi ha fatto andare avanti in momenti come quando ho fallito i due esami a 68 anni. I fallimenti sono quasi sempre il carburante per la mia determinazione nel riuscire a fare meglio. Ma mi tengono anche umile. Non ho fatto il mio primo miliardo fino all'età di 70 anni. Non voglio vantarmi, sto solo facendo il punto della situazione. Sii sicuro, ma modesto.

Siete tutti lettori di Forbes, e forse un giorno vorreste essere presenti su Forbes proprio come me. Siete imprenditori, giovani visionari e innovatori pronti a lasciare il segno nelle industrie e nelle imprese. Ci arriverete, ne sono sicuro. Tenete a mente questi Booneismi.

E ora andate a metterli in pratica!

*T. Boone Pickens ha fondato una delle maggiori compagnie petrolifere indipendenti degli Stati Uniti, la Mesa Petroleum, e in seguito si è reinventato come uno dei maggiori gestori di fondi di investimento con BP Capital.